770: PROROGA A SETTEMBRE. FINALMENTE, MA COSI’ NON E’ VITA!!


mod770L’orientamento degli uffici del ministero dell’Economia e delle Finanze è di predisporre un decreto che verrà sottoposto alla presidenza del Consiglio dei ministri per il via libera e che dovrebbe riportare come nuova scadenza la data del 21 settembre al posto di quella attualmente fissata al 31 luglio.

In risposta alla interrogazione parlamentare n. 5/06106 presentata alla Commissione Finanze della Camera dal parlamentare Sottanelli (S.C.), Il Viceministro Luigi CASERO risponde all’interrogazione

preannunciando, innanzitutto, che il Governo si accinge a disporre, per il 2015, la proroga al 21 settembre del termine per la presentazione del modello 770 da parte dei sostituti d’imposta. Dichiara altresì l’intenzione dell’Esecutivo di predisporre nel prossimo autunno un meccanismo che preveda, a regime e in via permanente, senza dover procedere di volta in volta mediante specifici interventi di proroga, una riorganizzazione complessiva e permanente della tempistica relativa agli adempimenti fiscali, volta a semplificare e razionalizzare i termini, stabilendo in tale ambito un sistema automatico di proroga dei termini stessi in caso di ritardi negli adempimenti da parte dell’Amministrazione finanziaria, ad esempio per quanto riguarda la predisposizione della modulistica tributaria.

Fonte: http://www.camera.it

Finisce così (peraltro senza altre comunicazioni ufficiali, nemmeno uno dei famosi “comunicati stampa”, ma con un post su FACEBOOK ???!!!)

con i professionisti la tecnica
del BASTONE e della CAROTA

il balletto delle richieste di proroga, prima negate fino all’ultimo e poi concesse sul filo di lana, a termine ormai quasi spirato.


Certo, un po’ più di considerazione del qualificato e importante lavoro svolto dai professionisti del settore avrebbe evitato di farci correre inutilmente e faticosamente fino all’ultimo!! Ci si chiede, a questo punto, fino a quando noi, che altro non siamo che

I TEMPI PER UNO
SCIOPERO SONO MATURI

veri e propri tele-lavoratori per l’Amministrazione Finanziaria, continueremo a tollerare passivamente una tale situazione.

Ha ragione MARCO CUCHEL.

CERCASI ATTO UFFICIALE!!