PERDITE SU CREDITI: PIU’ FACILE LA DEDUZIONE CON IL DECRETO SVILUPPO


L’art. 33, comma 5, della legge 7 agosto 2012 n. 134 (di conversione del D.L. 22 giugno 2012 n. 83, c.d. “Decreto Sviluppo”) interviene modificando il comma 5 dell’art. 101 del DPR 917/86 (TUIR) disponendo tra l’altro che:

(…) Gli elementi certi e precisi (per la deducibilità delle perdite su crediti n.d.r.) sussistono in ogni caso quando il credito sia di modesta entità e sia decorso un periodo di sei mesi dalla scadenza di pagamento del credito stesso. Il credito si considera di modesta entità quando ammonta ad un importo non superiore a 5.000 euro per le imprese di più rilevante dimensione di cui all’articolo 27, comma 10, del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2, e non superiore a 2.500 euro per le altre imprese. Gli elementi certi e precisi sussistono inoltre quando il diritto alla riscossione del credito è prescritto.(…)