CERTIFICAZIONE UNICA 2015: PRONTE LE BOZZE

Queste le ultime bozze disponibili sul sito dell’Agenzia delle Entrate per la Certificazione Unica 2015, le relative istruzioni e le specifiche tecniche per la trasmissione.

bozza_CU2015

bozza CERTIFICAZIONE UNICA

bozza_CU2015_Istruzioni

bozza ISTRUZIONI

CU_specifiche

bozza SPECIFICHE TECNICHE

Dalle specifiche tecniche si rileva che

  • per “Comunicazione“ si intende l’insieme delle certificazioni riferite ad un
    medesimo sostituto presenti nella fornitura
  • Ogni “Comunicazione”, contiene almeno una C.U.
  • All’interno di una fornitura possono essere presenti più comunicazioni e pertanto C.U.
    relative a diversi sostituti.

Fonte: http://www.agenziaentrategov.it

Pubblicato in FISCO | Contrassegnato , | Lascia un commento

BOTTA E RISPOSTA TRA PRESIDENTE ANCL E PRESIDENTE ANC

Pubblichiamo la lettera che il Presidente dell’ANCL Francesco Longobardi ha inviato ai consiglieri provinciali, regionali e nazionali, e quella in risposta di Marco Cuchel Presidente dell’ANC, astendoci da qualsiasi commento che ci pare superfluo: crediamo che i lettori sapranno giudicare.

Lettera del Presidente ANCL Longobardi

Lettera del Presidente ANCL Longobardi

Risposta del Presidente ANC Cuchel

Risposta del Presidente ANC Cuchel

clicca sulle immagini per scaricare i documenti

Per completezza, si riporta anche il comunicato stampa ANC del 26/02/2014

(Fonti: http://www.anclsu.com , http://www.ancnazionale.it )

Pubblicato in POLITICA | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

NELLE PIEGHE DEL JOBS-ACT RISPUNTA IL MODULO TELEMATICO DI DIMISSIONI

dimissioniPochi sanno che sta per tornare sulla scena il modello telematico di dimissioni volontarie di “Damiana” memoria. Esiste infatti un atto del Senato “Disciplina delle modalità di sottoscrizione della lettera di dimissioni volontarie e della lettera di risoluzione consensuale del rapporto di lavoro (Atto S.1409)” che è stato già approvato in seconda lettura.

Ancora meno sono quelli che sanno che tale norma è stata assorbita nel Jobs-Act, alla lettera g) del  comma 6:

5. Allo scopo di conseguire obiettivi di semplificazione e razionalizzazione delle procedure di costituzione e gestione dei rapporti di lavoro nonché in materia di igiene e sicurezza sul lavoro, il Governo è delegato ad adottare,[...omissis...] uno o più decreti legislativi contenenti disposizioni di semplificazione e razionalizzazione delle procedure e degli adempimenti a carico di cittadini e imprese.
6. Nell’esercizio della delega di cui al comma 5 il Governo si attiene ai seguenti princìpi e criteri direttivi:

lett g) previsione di modalità semplificate per garantire data certa nonché l’autenticità della manifestazione di volontà del lavoratore in relazione alle dimissioni o alla risoluzione consensuale del rapporto di lavoro, anche tenuto conto della necessità di assicurare la certezza della cessazione del rapporto nel caso di comportamento concludente in tal senso del lavoratore;

Pubblicato in LAVORO | Contrassegnato , | Lascia un commento

NUOVI MINIMI 2015: SOGLIA DI RICAVI E PERCENTUALE DI REDDITIVITA’

La legge di stabilità prevede, per i titolari di partita Iva a basso reddito, di accedere ad un regime fiscale forfettario, con un aumento dell’imposta sostitutiva che sale dal 5% dell’attuale regime dei “minimi” al 15% con ricavi o compensi tra i 15 e i 40mila euro relativamente all’attività.
tabella_minimi2

Pubblicato in FISCO | Contrassegnato , | Lascia un commento

PACCHETTO PROFESSIONI XI EDIZIONE: L’INTERVENTO DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE SCALDA LA PLATEA

Strappa gli applausi alla platea Marco Cuchel quando, al termine dell’intervento del rappresentante dell’Agenzia delle Entrate, affronta prima i problemi di riscossione con Equitalia, poi il tema della normativa del 730 precompilato, e muove giuste critiche al nuovo regime dei minimi previsto nella legge di stabilità. Fortemente contestato dalla platea il rappresentante dell’Agenzia in tema di semplificazioni.

Pubblicato in POLITICA | Contrassegnato , , | Lascia un commento

730 PRECOMPILATO: LA DEMO

Fonte: http://www.governo.it

Sul sito del governo è disponibile una semplice demo di cinque schermate che illustra quale presumibilmente sarà il funzionamento del modello 730 pre-compilato on line.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Pubblicato in FISCO | Contrassegnato , | Lascia un commento

730 PRECOMPILATO AL VIA

Il Consiglio dei Ministri ha approvato in via definitiva il decreto legislativo contenente disposizioni in materia di semplificazioni fiscali, in attuazione dell’articolo 7 della delega di cui alla legge n. 23 dell’11 marzo 2014. Il provvedimento contiene, oltre  all’introduzione della dichiarazione dei redditi precompilata per lavoratori dipendenti e pensionati, anche alcune misure di semplificazione e snellimento di adempimenti relativi alle persone fisiche, alle società e ai rimborsi fiscali, oltre alla eliminazione di adempimenti superflui.

Aspettiamo, come al solito, di vedere il testo.

Fonte: http://www.governo.it

Pubblicato in FISCO | Contrassegnato , | Lascia un commento

DICHIARAZIONE DEI REDDITI PRECOMPILATA E RESPONSABILITA’ DEI PROFESSIONISTI INTERMEDIARI

Pubblichiamo il comunicato stampa dell’Associazione Nazionale Commercialisti

Pubblicato in POLITICA | Contrassegnato | Lascia un commento

BONUS BEBE’: SOLDI CHE POTEVANO ESSERE RISPARMIATI

Premesso che stiamo ragionando su un testo che non è ancora disponibile, il bonus bebè alle famiglie sarebbe anche un provvedimento socialmente apprezzabile, se non fosse che il limite di reddito per usufruirne (fino a 90mila euro) ci sembra eccessivamente alto. Evidentemente questi BUROCRATI hanno degli stipendi talmente alti che hanno perso il valore del denaro. Un reddito da 90mila è PIU’ che dignitoso e non abbisogna certo che lo Stato sperperi i (NOSTRI) soldi con queste sciocche provvidenze!!! Meglio investirli nella sanità, negli asili nido (come sostiene Camusso) o ancor meglio per diminuire le imposte sulla casa…

Pubblicato in POLITICA | Contrassegnato , | Lascia un commento

ESENTI DA OGNI IMPOSTA GLI ACCORDI DI RIDUZIONE DEL CANONE DI LOCAZIONE

casaLa registrazione dell’atto con il quale le parti dispongono esclusivamente la riduzione del canone di un contratto di locazione ancora in essere e’ esente dalle imposte di registro e di bollo.

Lo prevede l’art. 19 del Decreto Legge 12 settembre 2014 n. 133 (c.d. “sblocca-Italia“)

Fonte: http://www.gazzettaufficiale.it

Pubblicato in FISCO | Contrassegnato , , | Lascia un commento

LEGGE di STABILITA’ 2015: IL TESTO DISPONIBILE

Il testo disponibile della legge di stabilità

Fonte: http://www.governo.it

Pubblicato in FISCO, LAVORO, POLITICA | Contrassegnato | Lascia un commento

LEGGE di STABILITA’ 2015: QUESTI GLI ANNUNCI

QUESTI GLI ANNUNCI, ASPETTIAMO DI CONOSCERE I CONTENUTI…
(fonte: http://www.governo.it)

Pubblicato in POLITICA | Contrassegnato | Lascia un commento

L’ATTRIBUZIONE DEL CA “0J” NON OBBLIGA ALLA CONTRIBUZIONE SE NON SI RAGGIUNGONO I LIMITI DIMENSIONALI

Con la circolare n. 100 del 02 settembre 2014, l’INPS comunica gli adempimenti procedurali per il finanziamento, a decorrere dal 1 gennaio 2014, del Fondo di solidarietà residuale previsto dall’art. 3, commi da 4 a 47, della Legge 92/2012.

Senza qui entrare nel merito della disciplina del Fondo, si ricorda che al Fondo residuale contribuiscono solo le imprese che impiegano mediamente più di quindici dipendenti. La soglia dimensionale deve essere verificata mensilmente con riferimento alla media occupazionale nel semestre precedente.

In questo periodo l’INPS sta attribuendo in automatico il CA “0J” (zero-J) alle imprese potenzialmente interessate, a prescindere dal requisito dimensionale, dall’obbligo di contribuzione al fondo, che sono sostanzialmente quelle con le caratteristiche ( CSC: codice statistico contributivo, C.A.: codice di autorizzazione e codice Ateco2007) rientranti nell’ambito di applicazione del Fondo (Si veda l’allegat0 1 al messaggio 6897 del 08.09.2014).

L’Istituto chiarisce: “Si evidenzia che il possesso delle citate caratteristiche non determina automaticamente l’iscrizione al Fondo residuale, che rimane subordinata alla verifica dei requisiti previsti dalla normativa”

Poiché il contributo è mensilmente dovuto solo dalle imprese che hanno occupato mediamente più di quindici dipendenti nel semestre precedente, in presenza del codice di autorizzazione “0J” il controllo del requisito occupazionale di più di 15 dipendenti nel semestre sarà effettuato dalla procedura automatizzata.

Pubblicato in LAVORO | Contrassegnato | Lascia un commento

MODELLO F24: OBBLIGO VERSAMENTO TELEMATICO DAL 1 OTTOBRE 2014

Il secondo comma dell’art. 11 del DL 66/2014 (convertito in Legge n. 23 giugno 2014 n. 89), impone nuovi vincoli per i versamenti con F24. In particolare la norma dispone:

2. A decorrere dal 1° ottobre 2014, fermi restando i limiti gia’ previsti da altre disposizioni vigenti in materia, i versamenti di cui all’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, sono eseguiti:
a) esclusivamente mediante i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle entrate, nel caso in cui, per effetto delle compensazioni effettuate, il saldo finale sia di importo pari a zero;
b) esclusivamente mediante i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle entrate e dagli intermediari della riscossione convenzionati con la stessa, nel caso in cui siano effettuate delle compensazioni e il saldo finale sia di importo positivo;
c) esclusivamente mediante i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle entrate e dagli intermediari della riscossione convenzionati con la stessa, nel caso in cui il saldo finale sia di importo superiore a mille euro.

La presentazione del modello cartaceo in banca è quindi ora limitato ai soli soggetti NON titolari di partita IVA e solo a condizione che:
- non contengano compensazioni
- il cui saldo finale sia di importo inferiore a 1.000 euro

Ma la grossa novità consiste nel fatto che i modelli F24 con saldo a ZERO non potranno essere più neanche versati tramite i servizi telematici messi a disposizione dalle banche (Home-banking, remote-banking, CBI), ma si dovranno esclusivamente utilizzare i canali messi a disposizione dell’Agenzia delle Entrate (F24web, F24online) oppure effettuare il versamento tramite gli intermediari autorizzati

servizi telematici AGENZIA ENTRATE Home Banking modello
cartaceo
F24 con saldo a ZERO per effetto di compensazioni OBBLIGO

(F24web, F24online e F24cumulativo)
NO NO
F24 comprendente compensazioni (saldo finale qualsiasi importo) SI SI NO
F24 SENZA compensazioni, ma superiore a 1.000 euro SI SI NO
F24 SENZA compensazioni, NON superiore a 1.000 euro SI SI NO

SI(*)non titolari Partita IVA

Con la circolare 27/E del 19 settembre 2014, l’Agenzia delle Entrate ammette il versamento cartaceo anche nei seguenti casi:

F24 precompilati dall’ente impositore a condizione che non siano indicati crediti in compensazione
Versamenti rateali in corso  fino al 31/12/2014
anche per importi superiori a 1.000,00 euro e/o utilizzando crediti in compensazione, oppure se il saldo del modello è pari a zero
Utilizzo di crediti d’imposta fruibili in compensazione esclusivamente
presso gli agenti della riscossione
soggetti che hanno diritto ad agevolazioni fiscali, nella forma di crediti d’imposta, utilizzabili in compensazione esclusivamente presso gli agenti della riscossione
Soggetti senza conto corrente la circolare individua alcuni casi residuali in cui è possibile presentare il modello cartaceo
Pubblicato in FISCO | Contrassegnato , , | Lascia un commento

RIDUZIONE CONTRIBUTIVA 2014 IN EDILIZIA

Con messaggio n. 6534 dell’ 11 agosto 2014, l’INPS fornisce istruzioni per la richiesta dell’agevolazione contributiva nel settore edile.

A decorrere dal 1° settembre 2014, le aziende potranno inoltrare l’istanza per accedere al beneficio nella stessa misura fissata per il 2013, pari al 11,50%.

Le istanze devono essere inviate esclusivamente in via telematica avvalendosi del modulo “Rid-Edil”, disponibile all’interno del cassetto previdenziale nella sezione “comunicazioni on-line”, funzionalità “invio nuova comunicazione”.

I datori di lavoro potranno fruire del beneficio per gli operai non più in forza valorizzando nella sezione individuale del primo flusso UniEmens utile gli stessi elementi previsti per gli operai ancora in forza; ovviamente non saranno valorizzate le settimane, i giorni retribuiti ed il calendario giornaliero.

Sarà invece valorizzato l’elemento <TipoLavStat> con il codice di nuova istituzione “NFOR”, che contraddistingue appunto gli operai non più in carico presso l’azienda.

Pubblicato in LAVORO | Contrassegnato , , | Lascia un commento

MODELLO 770: CERTEZZA DELLA PROROGA

mod770E’ arrivata oggi con Comunicato Stampa n. 188 del MEF, l’attesa conferma che la proroga per la presentazione del modello 770 sarà concessa, prevista in apposito DPCM, al

19 SETTEMBRE 2014

Fonte: http://www.mef.gov.it , http://www.agenziaentrate.gov.it

Pubblicato in FISCO | Contrassegnato , | Lascia un commento

SPECIALE ELEZIONI

Cinzia Guerrieri

ELEZIONI CPO LIVORNO: CINZIA GUERRIERI SCHIERA UNA SQUADRA DI NOMI NUOVI

Facce fresche e pulite: squadra all’insegna del rinnovamento e delle “quote rosa” quella schierata dal Presidente dell’U.P. Ancl di Cinzia Guerrieri. candidati per il Consiglio Provinciale Presidente dell’UP Ancl, da anni motore e anima del Coordinamento Interprofessionale, Cinzia Guerrieri si … Continua a leggere

logo_ANCL

IL PROGRAMMA DELLA LISTA ANCL

Programma elettorale Lista ANCL Collaborazione fattiva e costruttiva tra i due organismi di categoria Ordine ed Ancl per ottimizzare le risorse e lavorare in sinergia diminuendo i costi a carico dell’Ordine professionale. Sempre nell’ottica di diminuzione dei costi, proponiamo l’eliminazione … Continua a leggere

Pubblicato in POLITICA | Contrassegnato , | Lascia un commento

770: PROROGA ANCORA INCERTA

Per i consulenti del lavoro il mese di luglio è un vero e proprio calvario.

Anche quest’anno è tempestiva la richiesta di proroga della trasmissione telematica dei modelli 770, inviata dal nostro Presidente Nazionale Marina Calderone in data 4 luglio al Direttore dell’Agenzia delle Entrate (Fonte: http://www.consulentidellavoro.it).

Per quanto riguarda gli atti parlamentari, attualmente la richiesta di proroga è presente in un’interrogazione a firma Scelta Civica (INTERROGAZIONE A RISPOSTA IMMEDIATA IN COMMISSIONE 5/02638 del 15.04.2014 – Fonte: http://www.camera.it), la cui risposta non appare per niente confortante.

C’è da augurarsi che la richiesta venga presa in considerazione in tempo, per evitare l’accumularsi di scadenze e disagi negli studi professionali.

Tuttavia, perché il nostro lavoro ritorni a somigliare a qualcosa di “umano“, è indispensabile che tutto il calendario delle scadenze fiscali e contributive venga completamente ripensato.

Pubblicato in FISCO | Contrassegnato , , | Lascia un commento

BONUS 80 EURO: NUOVE REGOLE (E COMPLICAZIONI) PER LA COMPENSAZIONE IN F24

Con circolare 22/E dell’11 luglio 2014, l’Agenzia delle Entrate fornisce ulteriori chiarimenti in merito alle regole per l’erogazione del bonus 80 euro, alla luce delle modifiche apportate dalla legge di conversione 23 giugno 2014, n. 89.

Tra i chiarimenti (graditi) che mancavano spicca il comportamento che il sostituto di imposta deve utilizzare per il versamento del credito recuperato non spettante nel caso in cui l’importo del credito recuperato ai lavoratori è superiore a quello erogato: il sostituto d’imposta dovrà versare l’importo netto a debito entro gli ordinari termini di versamento delle ritenute d’acconto utilizzando il codice tributo 1655 per il versamento dell’importo.

Complicazioni invece sul versante del recupero del credito erogato: il mese da indicare nel modello F24 non è il periodo di paga relativamente al quale il bonus viene erogato, bensì il mese nel quale viene pagata la retribuzione che usufruisce del bonus (retribuzione di giugno pagata a luglio: il mese da indicare con il codice 1655 è 07 e anno 2014). Particolari regole di esposizione per le somme erogate in occasione del conguaglio di fine anno e per le retribuzioni di dicembre 2014 erogate a gennaio 2015

Modelli F24 per il 16 luglio da rifare!!

Pubblicato in FISCO | Contrassegnato , , | 2 commenti

FINO AL 31 LUGLIO SI PUO’ RIENTRARE IN PISTA CON LE RATEAZIONI EQUITALIA

Con comunicato stampa del 03 luglio 2014, Equitalia ricorda che i contribuenti che alla data del 22 giugno 2013 sono decaduti dal beneficio della rateazione con Equitalia perché non in regola con i pagamenti possono chiedere un nuovo piano di dilazione fino a un massimo di 72 rate. Per questo tipo di rateizzazione la domanda va presentata necessariamente entro il 31 luglio 2014.

In questo caso, la legge pone dei limiti rispetto alle regole generali sulla rateizzazione: il nuovo piano concesso non è prorogabile e la decadenza è prevista in caso di mancato pagamento di sole due rate anche non consecutive, anziché 8 rate come avviene generalmente (decreto legge n. 66/2014 convertito con modificazioni dalla legge n. 89 del 23 giugno 2014).

Per debiti fino a 50 mila euro si può ottenere la rateizzazione con domanda semplice, senza la necessità di dover allegare alcuna documentazione comprovante la situazione di difficoltà economica (direttiva di Equitalia di maggio 2013).

Ulteriore informazioni sul sito:

http://www.gruppoequitalia.it/equitalia/opencms/it/cittadini/rateazioni/

Pubblicato in FISCO | Contrassegnato , | Lascia un commento